martedì 17 maggio 2011

Il gusto della 'Classica'…all’Ombra del Barocco e nei teatri.

Il Maestro Marcello Panni è in aeroporto quando lo raggiungiamo per l’intervista. Ci presta attenzione, tra un impegno ed un altro, dimostrando una squisita disponibilità. E’ il direttore artistico della Fondazione Ico Tito Schipa di Lecce, musicista, compositore e direttore d’orchestra. E’ lui la mente della rassegna ‘Se mi vuoi bene portami a teatro’, che fa il verso – senza dileggio – all’iniziativa ‘Se mi vuoi bene il 23 maggio regalami un libro’. L’idea è quella di rendere esplicito il rapporto esistente tra la musica classica, il teatro e la letteratura, proponendo al pubblico quattro appuntamenti, quattro prime per Lecce, diversificate per scelta delle musiche, tipologia e scenari. Ce n’è per tutti i palati: si passa da Dukas, con un adattamento per fiati e percussioni, a Stravinskij, con una favola in due parti letta e danzata; dalla suite per orchestra da camera di Manuel de Falla, all’opera lirica e il teatro di marionette del Retablo de Mese Pedro; dalla CenaConcerto al ritmo della chitarra di Marco Vinicio Carnicelli, al racconto-inchiesta di Corrado Augias su Mozart.

Una settimana, dal 20 al 27 maggio) ricca di appuntamenti che coinvolgono a vario titolo i teatri di Lecce (con una puntata al teatro comunale di Nardò). Ma non solo. Perché, come ci spiega lo stesso Panni, un ruolo importante è anche quello della Libreria Liberrima, che offrendo lo spazio dell’Ombra del Barocco, si propone come ponte ideale tra il mondo della musica, dell’intrattenimento e della letteratura.

Un rapporto virtuoso – ci racconta lo stesso Panni – nato quasi per caso e realizzato grazie alla competenza di chi ci lavora, che si spera possa diventare per il futuro una proficua collaborazione.

melissa perrone



Nessun commento:

Posta un commento