mercoledì 16 febbraio 2011

La nostra Social Media Week

La settimana scorsa il nostro staff è sbarcato a Roma per seguire gli eventi della Social Media Week e per parlare della nostra libreria e di come sia diventata la Libreria 2.0.
Nell’evento di giovedì scorso, intitolato “Libreria 2.0: i libri incontrano i New Media”, noi di Libreria Liberrima ci siamo confrontati con esperti del calibro di Mario Adinolfi e abbiamo discusso sul futuro dei libri.
La tecnologia e la lettura sono compatibili? E’ stato questo il filo conduttore dell’evento organizzato dalla giovane agenzia di Social Media Marketing GurYou.
Dopo la presentazione del giovane ed esperto Team di GurYou, è stata presentata al pubblico la strategia di marketing costruita e seguita per far si che la nostra libreria diventasse una Libreria 2.0 con una vasta community online che quotidianamente segue le novità che Liberrima propone.
L’incontro è stato uno scambio di idee e punti di vista tra professionisti del web, dell’editoria e della scrittura.
E ora i nostri ringraziamenti a chi ha partecipato all’evento e l’ha reso possibile.
Grazie alla spigliatezza e alla preparazione di Christian Fioris, il moderatore dell’evento che ha saputo introdurre ospiti e tematiche con la spontaneità tipica dei grandi conduttori.
Grazie alla saggezza e alla cultura di Mario Adinolfi, il giornalista ha saputo accendere il dibattito sul futuro della lettura, e non solo, nel mondo 2.0 e con il suo punto di vista disincantato sul web ha sottolineato come l’Italia abbia tanto da lavorare per riuscire a collegare web e business.
Grazie alla vivacità di Blog di un libro e alla generosità del suo non più sconosciuto autore Samuel Gusso che ha deciso di presentare il suo innovativo progetto di scrittura ed editoriale proprio durante il nostro incontro.
Grazie alle mamme 2.0, Bismama e Marlene di TraRockeNinnaNanne non sono solo due bloggers di qualità, ma sono una miniera di idee e con la loro semplicità e schiettezza hanno saputo catturare l’attenzione dei presenti raccontando il perché della loro voglia di scrivere e parlare attraverso le pagine di un blog.
Grazie all’eleganza di Giuseppe Sciascia che ha presentato l’innovativo punta di vista della Sangel Edizioni.
Grazie alla maestria di Ottavo Piano e ai suoi illustri inquilini Ettore Ruggi d’Aragona e Eugenio Iorio che hanno incuriosito la platea con la loro teoria sui Media tattici e sugli influencers nel web.
Grazie alla Direttrice della nostra libreria, Augusta Epifani che con estrema chiarezza ha spiegato perché Liberrima ha scelto di essere una Libreria 2.0: perché ha voglia di confrontarsi e dialogare con i propri clienti e con chi ama la cultura.
Grazie a chi ci segue nella realtà virtuale del web e nella realtà fisica, perché è per voi che Liberrima continuerà a promuovere il piacere di leggere attraverso i canali offerti dalla rete.

Nessun commento:

Posta un commento