venerdì 10 dicembre 2010

Consigli per un albero ricco...di libri/2

Secondo appuntamento con i consigli di Liberrima per un albero di Natale pieno di libri.
Questa volta ci spostiamo un po’ dal cosiddetto filone commerciale per andare alla scoperta di alcuni volumi che pur non trovando nelle vetrine delle librerie, rappresentano ugualmente degli ottimi spunti per dei regali, per gli altri, e perché nò, per se stessi.
Il primo suggerimento riguarda una delle più grandi protagoniste del cinema e del teatro italiano, l'inossidabile Franca Valeri, una ragazzina di 80 anni che presenta la sua autobiografia "Bugiarda no, Reticente", uno straordinario ritratto indisciplinato, ironico e graffiante in cui l'attrice toscana spacca i ricordi come noci, raccontando i mille aneddoti del suo Novecento e del suo "lavoro": la scuola, la guerra, l'incontro con Charlie Chaplin, la signorina Cecioni.
Sempre di una biografia ma in chiave totalmente romanzata, tratta "La ballerina dello Zar", di Adreinne Sharp, la storia di Mathilde Kschessinka, la più grande ballerina russa dei teatri dell'Impero. Le vicende che ruotano intorno alla vita di Mathilde, narrano di un mondo scomparso, così come i suoi protagonisti: morti, uccisi, esiliati, ridotti a fantasmi. E l'amara conclusione è che anche lei sia diventata alla fine un fantasma.
La collana "I narratori" di Feltrinelli, ci offre poi due titoli particolarmente interessanti.
Il primo è di Antonio Tabucchi, "Viaggi e altri viaggi". L'autore di "Sostiene Pereira" presenta una sorta di diario dei suoi mille viaggi, chiamando all'appello i luoghi visitati e rivisitati e le scritture che li hanno raccontati. I luoghi come nomi, tappe, residenze. I luoghi come un guardare, un rammentare, un connettere. Scoprire la somiglianza che esiste tra la diversità e la bellezza.
La seconda opera è di Giulia Carcasi, che dopo il successo di "Ma le stelle quante sono", dà i natali (è proprio il caso di dirlo) a "Tutto torna", la storia di Diego e Antonia.
Diego è il revisore di un vocabolario e cataloga date e orari della sua vita. Un giorno, sviene durante un black-out in un treno, ed è con la voce di Antonia che riacquisterà i sensi. In un attimo è come se lei ci fosse sempre stata eppure non c'era. L'amore che ne nasce, esige la perfezione, e più sono vicini, più c'è il rischio che il cerchio si spezzi.
Elsa Chabrol, regista e sceneggiatrice francese, esordisce nel mondo della letteratura con un romanzo davvero divertente e dissacrante, "Una sposa conveniente", le avventure dei nove abitanti di uno sperduto villaggio francese, tra i quali c'è Pierrot, 47 anni, il più "piccolo" dei nove, rimasto nel villaggio per assistere la madre. Poi c'è Lèonie che a 90 anni, dopo essere stata a un passo dalla morte, decide che è ora di perdere la verginità., e Juliette, che ha già preparato la sua lapide di fianco alla tv, perché "bisogna sempre farsi trovare in ordine".
"Una sposa conveniente" è una favola moderna imbevuta di ottimismo, che fa riflettere sull'autentico significato della vita.
Infine, vogliamo segnalarvi uno di quei libri che possono essere definiti "pane per l'anima". Si tratta dell'ultima fatica di Carlo Maria Martini, ex arcivescovo di Milano, che nel suo "Le età della verità", ci fornisce una guida dall'alba al tramonto dell'avventura umana.
Maturazione, responsabilità, libertà, sofferenza, sono i termini più utilizzati nelle sue riflessioni per accompagnare ciascun uomo nella bella e tempestosa traversata della vita. Una guida rivolta a credenti e non, che analizza la condizione umana sottoposta alla spinta dell'esperienza e del mutare dei giorni.



2 commenti:

  1. Grazie Liberrima,
    per i graditissimi suggerimenti."Viaggi e altri viaggi di Tabucchi" è un libro che vorrei molto regalare oltre che ricevere.
    Vorrei segnalare anche altri testi degni di nota, perchè non convenzionali e molto belli per gli occhi e per l'anima.
    "Versi (di)vini. L'enoteca delle parole", edito da Edizioni Libere. Una raccolta di poesie dedicate al tema del vino, accompagnate da pregiate illustrazioni.Un'opera preziosa e ricercata.
    "La ragione della passione" di Antonio Errico, un intrigante viaggio sulla passione del sapere. Molto utile per studenti ed insegnanti.Un altro che mi piacerebbe regalare è "Otto" di Alfredo De Giovanni, sui misteri di Castel Del Monte. Un testo che ho avuto modo di leggere tempo fa e che mi è molto piaciuto per la trama avvincente.

    Un carissimo saluto. Ci vediamo presto in libreria !
    Paolo

    RispondiElimina
  2. Buonasera a tutti gli amici di Liberrima !
    Tra i libri che vorrei regalare ci sono questi:
    "Le Valchirie" di Coelho
    "Otto" di Alfredo De Giovanni
    "Viaggi e altri viaggi" di Tabucchi
    "Versi (di)vini. L'Enoteca delle parole", Edizioni Libere
    Naturalmente mi piacerebbe pure riceverne qualcuno in regalo !
    Un caro saluto da Maria

    RispondiElimina