giovedì 7 ottobre 2010

Premio Nobel per la Letteratura 2010: il vincitore è Mario Vargas Llosa


Mario Vargas Llosa è il vincitore del Premio Nobel per la Letteratura 2010.
L’Accademia della Svezia ha conferito il prestigioso premio allo scrittore, giornalista e politico peruviano per "la propria cartografia delle strutture del potere e per la sua immagine della resistenza, della rivolta e della sconfitta dell'individuo".
Subito dopo aver ricevuto la notizia Vargas Llosa ha affermato che il premio "costituisce un riconoscimento per la letteratura sudamericana e per la lingua spagnola". Infatti, è il secondo scrittore sudamericano a vincere il Nobel per la letteratura, dopo il colombiano Gabriel Garcia Marquez nel 1982.
Personaggio eclettico ed esuberante, Vargas Llosa ha alternato l'impegno letterario a quello civile, fino ad arrivare a candidarsi alle presidenziali peruviane del 1990, dalle quali uscì sconfitto da Alberto Fujimori. Fin da giovane lo scrittore peruviano ha viaggiato oltre i confini della sua patria vivendo un periodo in Bolivia, poi in Spagna, Francia, Italia, Inghilterra e Stati Uniti.
Nei suoi romanzi, ha sempre analizzato la vita politica e sociale con un'attenzione particolare all'essenza dell'uomo, al suo dramma interiore, alla "resistenza, ribellione e sconfitta dell'individuo" così come recita la motivazione del premio.
Vargas Llosa giunge al successo nel 1963 con il romanzo "La Città e i cani", con cui si impose nella scena internazionale. Nel libro descriveva la vita ambigua e perversa di un collegio militare di Lima, nel suo paese natale il romanzo fu considerato dissacrante e copie del libro furono bruciate in piazza. Il romanzo è stato redatto con una particolare tecnica narrativa in cui narrazione e sovrapposizioni di tempi e piani si alternano, in uno stile quasi cinematografico. Questa tecnica è stata riutilizzata anche nel seguente “La casa verde” del 1966 in cui si narrano le vicende di una casa chiusa a Piura e qui emerge lo stile narrativo particolarissimo di Vargas Llosa. Tra gli altri suoi romanzi citiamo "La zia Julia e lo scribacchino", "Storia di Mayuta", "La verità nella menzogna".
Mario Vargas Llosa è un artista completo, capace di sfornare romanzi che sfiorano il sublime così come di impegnarsi in battaglie civili.
Nella sua ricca carriera gli sono stati conferiti svariati riconoscimenti tra cui il Premio nazionale del romanzo del Perù, il Premio Ritz Parigi Hemingway, il Premio Principe di asturias e molti altri. La sua opera comprende diverse forme letterarie dal romanzo al cinema, il teatro, la saggistica oltre che dall’intensa attività giornalistica.
Nei prossimi giorni faremo degli omaggi allo scrittore peruviano, schiavo volontario e felice della letteratura, così come lui stesso ama definirsi.
E voi cosa pensate del Premio Nobel per la Letteratura 2010?

Libreria Liberrima

2 commenti:

  1. Confesso di conoscerlo ben poco. Provvederò a colmare la lacuna: il Nobel é stata per me l'occasione per cogliere degli spunti.

    RispondiElimina
  2. I riconoscimenti e i premi esistono anche per questo: per far conoscere l'opera di alcuni scrittori e approfondirla.

    Lo Staff di Liberrima
    http://www.liberrima.it
    http://www.cestoletterario.biz

    RispondiElimina