martedì 6 luglio 2010

Gramellini ospite di "Spiagge d'autore"


Alle ore 17:30 Lido York di San Cataldo farà da sfondo alla conversazione con Massimo Gramellini che incontrerà i lettori nell’appuntamento fissato nell’agenda di “Spiagge d’autore”.
Un’occasione da non perdere per gli amanti della lettura e dei libri, Gramellini sarà a disposizione per rispondere alle curiosità del pubblico e per dialogare attorno alla sua opera letteraria e giornalistica. Con Gramellini si parlerà del suo debutto narrativo con “L’ultima riga delle favole”, un libro che si riallaccia al suo saggio “Cuori allo specchio” nato come raccolta dei suoi contributi alla rubrica omonima pubblicata sul settimanale “Specchio”.
Gramellini è noto per la sua attività giornalistica sul quotidiano torinese “La Stampa” dove scrive quotidianamente una striscia intitolata “Buongiorno”, nella quale commenta con taglio ironico la notizia più importante della giornata. La grande notorietà è legata alla sua collaborazione con la trasmissione “Che tempo che fa” di Fabio Fazio dove, dopo aver curato la rubrica “Il posto del cuore”, racconta in “News Parade” la “top seven” delle notizie della settimana.
Amante del calcio Gramellini scrive svariati libri proprio sulla sua squadra del cuore, il Torino Football Club. Pubblica, infatti “Granata da legare” (2006), “Ci salveranno gli ingenui” (2007), “Toro. I migliori derby della nostra vita” (2007).
Tra gli altri libri firmati da Gramellini citiamo “Colpo grosso” (1997) scritto insieme a Pino Currias e Curzio Maltese e “Compagni d’Italia” (1997).

Nel 2010 esordisce anche come narratore con il romanzo “L’ultima riga delle favole”, edito da Longanesi, che conquista subito la vetta alle classifiche.
Il romanzo racconta la storia di Tomàs, un giovane professore alle prese con sentimenti inediti e inattesi nei confronti di Arianna, una sua coetanea e di fronte a questo sentimento che lo spaventa, sceglie di scappare. Tomàs crede poco in se stesso, subisce la vita convinto di non poterla cambiare. Una sera si ritrova proiettato in un luogo sconosciuto che riaccende in lui quella scintilla di curiosità che langue in ogni essere umano. Incomincia così un viaggio simbolico che, attraverso una serie di incontri e di prove avventurose, lo condurrà alla scoperta del proprio talento e alla realizzazione dell'amore: prima dentro di sé e poi con gli altri. In una fuga surreale dai suoi sentimenti, il protagonista finirà alle “Terme dell’Anima”, una sorta di limbo nel quale sono rinchiusi coloro che fuggono dai propri desideri perché spaventati dal peso delle responsabilità. Le Terme dell'Anima sono un universo parallelo in cui sono accolti coloro che scappano dalla vita, ma covano ancora un desiderio irrealizzato in fondo al cuore.
Il percorso del protagonista di “L’ultima riga delle favole” è un percorso di crescita che lo porterà a imparare a sorridere dei propri limiti e credere in se stesso. Il viaggio simbolico che intraprenderà sarà fatto di tappe intermedie e di incontri avventurosi, sarà un percorso alla scoperta di sé e del proprio talento che farà rinascere Tomas fino a condurlo alla conoscenza dell’amore per se stesso e per gli altri. Nel luogo sconosciuto delle “Le terme dell’anima” si riaccende in Tomàs la scintilla di curiosità, quella scintilla che langue in ogni essere umano e dopo quel viaggio anche "disertore sentimentale" potrà scrivere l'ultima riga della sua favola.
Un libro intenso e profondo, riflessivo e saggio che dà ai suoi lettori delle risposte alle domande universali che da sempre si pone l’uomo: quale sia il senso del dolore, se esista l'anima gemella, e soprattutto in che modo la nostra vita di ogni giorno sia trasformabile dai sogni.
Il libro di Gramellini si presenta come una favola moderna, piena di speranza e tenerezza, un racconto in cui i sogni hanno valore e possono insegnarci a trasformare le cose.
Noi di Liberrima vi consigliamo la lettura di questo romanzo e vi ricordiamo che potete verificare la disponibilità sul nostro sito: http://www.liberrima.it.

Nessun commento:

Posta un commento