mercoledì 23 giugno 2010

Continua la mostra di Paladini al castello di Acaya


Fino a domenica 27 giugno il castello di Acaya ospiterà la mostra dell’artista leccese Piero Paladini.
Chi si recherà al castello potrà ammirare le sedici opere di grande formato che il giovane artista ha costruito sul tema «Giovan Giacomo dell’Acaya. Uomo dell’ultimo Rinascimento».
L’opera di Paladini ripercorre con tocco moderno le apprensioni, le vicissitudini e le speranze della terra del sud nell’epico confronto tra Oriente e Occidente tra la fine del 1400 ed il 1500 e racconta la storia di un uomo forte e generoso, Giovan Giacomo dell’Acaya, che seppe coniugare il garbo e la maniera di un rinascimento elegante e colto con l’esigenza di fortificare e difendere un territorio di confine geografico e culturale.
Gian Giacomo dell’Acaya ha rappresentato e rappresenta per gran parte della realtà storica meridionale, e per il Salento in particolare, un preciso riferimento per le sue invenzioni architettoniche e il protagonismo svolto nell’ambito del vice-regno napoletano. Gian Giacomo dell’Acaya fu ingegnere di Carlo V ed edificò l’unica fortezza di epoca rinascimentale del centro sud e fra le prime d'Italia: Acaya. Oggi Acaya mostra la sua immagine di piccola città rinascimentale e rappresenta un bene culturale di notevole interesse dal punto di vista architettonico e urbanistico.
Nelle sue opere Paladini racconta una storia che gli appartiene inventando immagini di rara suggestione, tra cavalli, cavalieri, armi e castelli. Attraverso le immagini Paladini ci sollecita a ripensare il senso della vita, grazie a quella che Luciano Caramel ha definito una «fiabesca verve narrativa».
Tra le altre opere di Paladini ricordiamo il ciclo “A colloquio con Pinocchio” in cui accompagna ogni episodio con un commento e il ciclo “I luoghi della mente” con cui è stato riconosciuto dalla critica. Inoltre è autore di favole e illustrazioni.
Noi di Liberrima vi consigliamo la partecipazione a questo evento per ammirare delle opere suggestive sullo sfondo di un castello di rara bellezza architettonica.

Nessun commento:

Posta un commento